La nostra famiglia è da sempre a Montepulciano, e ormai da 6 generazioni vive e lavora al Podere le Caggiole. Da sempre, ad ogni generazione succedutasi nella nostra famiglia, è stato insegnato il mestiere di Vignaiolo e ad ognuno di noi, fin da bambino, è stato tramandato l’amore e la passione per la nostra terra. Dalla simbiosi dei componenti della nostra famiglia con la terra, derivò la tipica organizzazione interna della nostra famiglia rurale, che, come per tante altre della Valdichiana, ricalcò quella romana, legata al “fundus”. La nostra famiglia contadina ruotava attorno all'indiscussa figura autoritaria del “capoccia”, il quale, come il “pater familias” amministrava l'intera comunità domestica, dirigeva il lavoro delle braccia, trattava ogni “affare”, e ogni sua decisione era senza appello. Gli altri componenti della famiglia, i figli e i nipoti, assolvevano tutti gli altri incarichi, a seconda delle attitudini di ciascuno, per cui, per esempio, nella nostra famiglia il maggiore dei figli era innestatore e si occupava della vigna, degli ulivi, degli alberi in generale. Questo assetto familiare che potrebbe sembrare crudo e assolutista, ma che invece era legato da piena armonia, si è protratto fino agli anni attorno al 1960, quando nostro Nonno Gino “Capoccia” dei Tiberini, decise che l’epoca era matura per un nuovo tempo. Sparì il capoccia dalla famiglia Tiberini, e l’azienda crebbe legata a criteri molto più consoni ai tempi che stavano maturando. Sono passati altri anni, e ancora indissolubili e indistruttibili, sono rimasti anche oggi i legami tra i componenti della famiglia ed il nostro amore per la terra natia, anche se ormai alcuni di noi percorrono strade lavorative diverse o addirittura vivono in luoghi di residenza distanti dal Podere Le Caggiole. Oggi, noi titolari, Luca e Fabio, proseguiamo il lavoro consegnatoci da nostro padre Marino, con la certezza e la volontà di lasciarlo domani ai nostri figli.